mercoledì 20 settembre 2017

Per essere maggiormente produttivi bisogna passare meno tempo in ufficio

Lavorare meno ore non diminuisce l’effettiva produttività, ma stimola l’efficienza e la forza creativa, veri motori dell’innovazione. Ma il riposo, per essere produttivo, deve essere anche attivo: camminare, fare sport o coltivare hobby. Ce lo racconta: "la Repubblica".

(Conosci già il nostro sito? Si chiama QualitiAmo - La Qualità gratis sul web ed è pieno di consigli per chi si occupa di Qualità, ISO 9001 e certificazione)

martedì 19 settembre 2017

Welfare in un contratto su tre

(Fonte: "Il Sole 24 Ore")

Nelle grandi aziende italiane si diffondono le piazze virtuali del welfare: i dipendenti entrano in
una piattaforma telematica e, nell’ambito di un determinato plafond, sono liberi di scegliere il servizio che più interessa: un asilo nido, una polizza sanitaria, una palestra, un viaggio di formazione all’estero, un piano di previdenza complementare o l’abbonamento ai mezzi pubblici.



(...)

Diamo un'occhiata all'indice rilevato per misurare lo “stato di salute” del welfare nelle Pmi: la ricerca 2017, su un campione di 3.422 imprese di taglia small, mostra che il 40% è attivo in almeno quattro aree di welfare aziendale, il 58% in tre, e le imprese che attuano iniziative in almeno sei aree
sono quasi raddoppiate: 18,3% del totale rispetto al 9,8% del 2016.
Insomma qualcosa si muove, anche grazie al fatto che nel quadro di regole che disciplinano la cosiddetta detassazione dei premi di risultato, con la Manovra 2016 è emersa la possibilità di convertire il premio (monetario) in benefit compresi nell’ambito di un piano di welfare aziendale.
Una possibilità che deve essere prevista da un contratto di secondo livello (aziendale o territoriale)
siglato dai rappresentanti di aziende e lavoratori.


Dall’ultimo monitoraggio del ministero del Lavoro sui premi di produttività emerge che tra i 12.711
contratti “attivi”, 3.909 - quindi quasi uno su tre - offrono ai dipendenti la possibilità di scegliere il
welfare aziendale “esentasse” in alternativa al bonus monetario in busta paga (tassato al 10 per cento).
I numeri, certo, sono ancora di nicchia, ma il trend registrato dai bollettini mensili del Lavoro è incoraggiante: al 16 agosto risultavano inviate - attraverso la procedura telematica - 25.349 dichiarazioni di conformità, per il deposito dei contratti firmati fin dal 1° gennaio 2015.
All’interno di questa platea, le intese tuttora attive sono 12.711, come citato in precedenza, cresciute di 1.172 nel giro di un mese.


(...)


La manovra 2017 ha aumentato la potenza di fuoco della detassazione sui premi di risultato: il limite
per i bonus è salito dai vecchi 2mila euro fino a 3mila e si è allargata anche la platea dei beneficiari, con lo spostamento verso l’alto del tetto di reddito dei lavoratori per avere la tassazione agevolata, da 50mila a 80mila euro lordi annui.
La spinta al welfare è poi arrivata dall’azzeramento dei limiti di deducibilità in caso di conversione
del premio in servizi per sanità e previdenza integrativa (esenzioni anche oltre le soglie di 3.600 euro
per le spese sanitarie e di circa 5.200 euro per i versamenti alla pensione integrativa).
Infine la manovra di primavera agganciata al Def - il decreto legge 50, convertito dalla legge 96 del
2017 - ha aggiunto un nuovo tassello: nell’ipotesi di «coinvolgimento paritetico dei dipendenti nell’organizzazione del lavoro» il beneficio è doppio. Alla possibilità per il lavoratore di applicare la “cedolare secca” al 10% sull’intero premio (che viene riconosciuta in tutti i casi di detassazione), si affianca per il datore di lavoro lo sconto di venti punti percentuali dell’aliquota contributiva per invalidità, vecchiaia e superstiti su massimo 800 euro, ma solo per gli accordi siglati dopo il 24 aprile 2017.


(Conosci già il nostro sito? Si chiama QualitiAmo - La Qualità gratis sul web ed è pieno di consigli per chi si occupa di Qualità, ISO 9001 e certificazione)

lunedì 18 settembre 2017

Pochi laureati, non si riesce a far fronte alle richieste

In Italia il vero scoglio resta la formazione. Tante le richieste, troppo pochi i laureati.
L'articolo è de: "Il Corriere della Sera".

(Conosci già il nostro sito? Si chiama QualitiAmo - La Qualità gratis sul web ed è pieno di consigli per chi si occupa di Qualità, ISO 9001 e certificazione)

venerdì 15 settembre 2017

La norma ISO 9001:2015 a confronto con le precedenti

Come è cambiata la ISO 9001:2015 rispetto alle due versioni precedenti del 2008 e del 1994?
Vediamolo subito con qualche numero a confronto!

Elementi: nel 1994 erano 20, nel 2008 sono passati a 5 per arrivare ad essere 10 nel 2015
Punti normativi: 1994 - 59, 2008 - 51, 2015 - 51
Procedure richieste: 1994 - 26, 2008 - 6, 2015 - 0
Registrazioni richieste: 1994 - 20, 2008 - 21, 2015 - 17


(Conosci già il nostro sito? Si chiama QualitiAmo - La Qualità gratis sul web ed è pieno di consigli per chi si occupa di Qualità, ISO 9001 e certificazione)

giovedì 14 settembre 2017

Popolarità della ISO 9001

Dai dati del 2015, 33 Paesi al mondo detengono il 90% delle certificazioni della qualità (ISO 9001, ISO/TS 16949, ISO 13485) emesse.

Siete curiosi di conoscere quali sono i Paesi più certificati al mondo per quanto riguarda la qualità dei loro prodotti e servizi?
Eccovi accontentati!

Cina 28,49% sul totale delle certificazioni
Italia 12,18 %
Germania 5,25%
Giappone 4,42%
USA 3,80%
Regno Unito 3,78%
India 3,72%
Spagna 3,03%
Francia 2,69%
Romania 1,86%

E poi, a seguire:

Brasile
Corea del sud
Australia
Svizzera
Malesia
Colombia
Cechia
Polonia
Taiwan
Olanda
Thailandia
Israele
Russia
Turchia
Messico
Indonesia
Portogallo
Canada
Argentina
Grecia
Ungheria
Singapore
Slovacchia

(Conosci già il nostro sito? Si chiama QualitiAmo - La Qualità gratis sul web ed è pieno di consigli per chi si occupa di Qualità, ISO 9001 e certificazione)

mercoledì 13 settembre 2017

I settori maggiormente certificati

Ieri abbiamo visto quali Paesi possano vantare il maggior numero di certificazioni della qualità. Se vi fosse rimasto il dubbio di quali siano i settori più certificati, vi accontentiamo subito!

Settore IAF di accreditamento 17 "Metalli e prodotti in metallo" 13,18% delle certificazioni totali
Settore IAF di accreditamento 19 "Apparecchiature elettriche ed ottiche" 9,48% delle certificazioni totali
Settore IAF di accreditamento 28 "Costruzione" 8,48% delle certificazioni totali
Settore IAF di accreditamento 29 "Commercio all'ingrosso, al dettaglio e intermediari del commercio" 8,44% delle certificazioni totali
Settore IAF di accreditamento 18 "Macchine ed apparecchiature" 7,11% delle certificazioni totali
Settore IAF di accreditamento 35 "Altri servizi" 6,39% delle certificazioni totali

Di seguito, troviamo:

14 - Prodotti in gomma e materie plastiche
34 - Servizi d'ingegneria
12 - Chimica di base, prodotti chimici e fibre
33 - Tecnologia dell'informazione
31 - Trasporti, logistica e comunicazioni
3 - Industrie alimentari, delle bevande e del tabacco
38 - Sanità ed altri servizi sociali
37 - Istruzione
32 - Intermediazione finanziaria, attività immobiliari, noleggio
4 - Tessuti e prodotti tessili

(Conosci già il nostro sito? Si chiama QualitiAmo - La Qualità gratis sul web ed è pieno di consigli per chi si occupa di Qualità, ISO 9001 e certificazione)

martedì 12 settembre 2017

Incidenti sul lavoro: sale il numero

Questo articolo de: "la Repubblica" ci racconta che, purtroppo, il numero degli incidenti sul lavoro sta crescendo e, con lui, quello dei morti. Si parla di più di tre persone al giorno.

(Conosci già il nostro sito? Si chiama QualitiAmo - La Qualità gratis sul web ed è pieno di consigli per chi si occupa di Qualità, ISO 9001 e certificazione)